Poliambulatorio Medico Riabilitativo Corbetta

Poliambulatorio Medico Riabilitativo Corbetta

 

Urologo a Corbetta

 

Urologo a Corbetta

All’insorgere di problemi legati alle vie urinarie, è opportuno prenotare una visita specialistica effettuata con un medico urologo. Si tratta di una visita medica che può essere risolutiva per diversi disturbi e patologie dell’apparato uro-genitale.

All’interno della visita urologica, viene svolta un’indagine consigliata quando insorgono evidenti dei disturbi che interessano agli organi genitali maschili o gli organi genitali esterni femminili. Si tratta di una visita medica specialistica non invasiva né dolorosa, in grado di accertare la presenza di patologie alle vie urinarie, come disfunzioni della minzione (difficoltà ad urinare, incontinenza, cistite, etc.), oppure infezioni alle vie urinarie, calcolosi, disturbi delle funzioni sessuali, neoplasie.

Mediante il supporto della diagnostica strumentale, l’urologo specialista del Poliambulatorio Medico Riabilitativo Corbetta, è in grado di valutare lo stato di salute degli organi dell’apparato urinario e genitale, al fine di individuare anche patologie correlate come tumori alla prostata, deficit dell’erezione maschile, prostatiti acute.

Visita urologica femminile a Corbetta

La visita urologica per le donne si svolge con modalità simili alla visita ginecologica, e prevede l’esplorazione del piano perineale e degli organi genitali esterni, soprattutto ai fini della diagnosi e trattamento dell’incontinenza urinaria.

L’urologo valuta il piano perineale per determinare il grado di incontinenza, e i possibili prolassi della vescica, uterini o rettali (discesa degli organi dalla loro sede naturale).

Per poter definire una diagnosi e migliorare il quadro clinico, spesso l’urologo richiede l’esecuzione di analisi ulteriori, come l’esame urografico delle vie urinarie e l’ecografia del basso addome, con sonda transvaginale o meno, a seconda dei casi.

È spesso utile effettuare una visita di prevenzione legata ai possibili disturbi in menopausa e all’apparato urinario nella terza età, in particolare per la suddetta valutazione preliminare dell’incontinenza urinaria.

Visita urologica maschile a Corbetta

Consigliata per la prevenzione e all’insorgere di ogni disturbo della minzione, o dell’apparato uro-genitale, la visita urologica maschile viene eseguita con esplorazione rettale e palpazione della prostata. Queste valutazioni vengono effettuate per conoscere la grandezza della ghiandola prostatica, la presenza di aumenti di volume legati a neoplasie, oppure la presenza di ghiandole dolenti a causa della prostatite (infiammazioni della prostata).

Eseguendo tali analisi, completate dalla valutazione del basso addome e della zona genitale esterna, si verificano la presenza e l’entità di eventuali anomalie dell’apparato urinario.

Il medico analizza in particolare lo stato di salute della ghiandola prostatica, e può richiedere l’esecuzione di esami specifici di accertamento ulteriore. Per delineare un quadro clinico specifico all’interno della visita urologica, infatti, spesso si affiancano esami di secondo livello, tra i quali quelli del sangue con determinazione PSA, l’esame delle urine, la uroflussimetria, ecografie dell’apparato uro-genitale; analisi che possano definire una visione più dettagliata della situazione.

Ai fini di un’efficace prevenzione delle malattie della prostata, è consigliabile che gli uomini di età superiore a 50 anni, si sottopongano ad una visita urologica almeno una volta l’anno.

Come si effettua una visita urologica

Per una visita urologica maschile o femminile, non è necessaria una preparazione specifica.

La visita urologica prevede una prima fase di colloquio, in cui il medico urologo raccoglie informazioni su sintomi, stile di vita del paziente, patologie a carico, e altre nozioni utili ai fini della diagnosi. La seconda fase della visita prevede l’esplorazione vera e propria dell’apparato uro-genitale.

Patologie e disturbi dell’apparato uro-genitale

La visita urologica viene generalmente richiesta per accertare la presenza di:

  • disturbi della minzione – espulsione dell’urina
  • infezioni delle vie urinarie – uretra, vescica, ureteri, reni
  • calcolosi nelle vie urinarie – uretra, vescica, ureteri, reni
  • disturbi delle funzioni degli organi genitali – funzioni sessuali e riproduttive
  • prostatiti acute e croniche
  • infezioni genitali maschili e femminili
  • tumori degli organi dell’apparato urinario
  • tumori della prostata
  • ipertrofia prostatica benigna
  • infertilità di coppia
  • deficit dell’erezione.

Visita urologica per calcoli renali e coliche a Corbetta

Rappresentano uno dei disturbi urologici più dolorosi e comuni per le vie urinarie ovvero reni, ureteri, vescica e uretra. Il calcolo rappresenta una formazione di cristalli di sostanze come calcio o fosfato, che si separano dall’urina nel suo “viaggio” all’interno delle vie urinarie, creando appunto delle formazioni a sé stanti.

Lo sviluppo dei calcoli deriva dal fatto che in alcuni pazienti l’organismo non riesca a prevenire la formazione di tali cristalli mediante alcune sostanze chimiche che li inibiscono, come avviene in condizioni di normalità.

Quando i cristalli rimangono piccoli, percorrono le vie urinarie per essere espulsi insieme all’urina, senza causare problemi; altrimenti, creano degli episodi dolorosi con possibili infezioni delle vie urinarie come nel caso dei calcoli di struvite.

Se la maggior parte dei calcoli viene espulsa dal corpo attraverso la minzione, senza che sia necessario un intervento medico, alcuni calcoli provocano delle complicazioni che vanno prevenute e trattate secondo un piano terapeutico ben definito dall’urologo.

I sintomi dei calcoli renali, di regola sono legati ad un segnale di dolore molto forte corrispondente al movimento del calcolo nelle vie urinare, quando la sua grande dimensione ostruisce il flusso dell’urina. Il dolore della colica renale attraversa di solito la schiena e i fianchi del rene corrispondente, a volte passando al basso ventre e nella zona inguinale.

Scendendo verso l’uretere e la vescica, si può manifestare la necessità di urinare con frequenza e una sensazione di bruciore durante la minzione. È importante valutare se siano presenti brividi e febbre, per definire una possibile infezione in corso – per debellare la quale è fondamentale contattare subito un medico.

L’urolitiasi

I calcoli attraversano le vie urinarie partendo dai reni, organi collocati sotto le costole circa a metà della schiena, che rimuovono l’acqua e i rifiuti dal sangue mediante la produzione dell’urina. Si tratta di organi che tengono in equilibrio la quantità di sali e altre sostanze presenti nel sangue, oltre a produrre ormoni in grado di sintetizzare i globuli rossi e aumentare la forza ossea.

L’urina passa dai reni agli ureteri, e infine alla vescica, che permette di espellere l’urina tramite l’uretra contraendosi. Il calcolo renale che si forma nelle vie urinarie, determinando l’urolitiasi, definita anche calcolosi delle vie urinarie o nefrolitiasi.

Le cause della presenza di calcoli nelle vie urinarie sono diversificate e non tutte chiare, in alcuni casi si imputa all’alimentazione per coloro che sono già soggetti alla predisposizione genetica, ma senza una correlazione esatta.
In presenza di alcune patologie, la formazione dei calcoli è probabile: infezioni delle vie urinarie, malattie renali, disordini metabolici, infiammazioni croniche dell’intestino.

Una visita urologica può mettere in luce la presenza di urolitiasi, e tramite accertamenti l’urologo può definire un trattamento adeguato all’eliminazione dei calcoli renali.

I calcoli silenti, possono essere individuati da una radiografia renale o da un’ecografia, che consentono di individuare la posizione e la dimensione dei calcoli. Mediante l’esame di tomografia computerizzata o pielogramma intravenoso (IVP), il medico urologo può esaminare le vie urinare, ed effettuare un’adeguata diagnosi.

Anche alcuni esami del sangue e delle urine prescritti dall’urologo, possono invece mettere in luce sostanze anomale che favoriscono la formazione dei calcoli.

Il medico può decidere di esaminare le vie urinarie usando uno speciale esame chiamato tomografia computerizzata oppure un pielogramma intravenoso (IVP). I risultati di questi esami aiuteranno a decidere quale sia la terapia più adatta.

Contattaci per Maggiori Informazioni